Attività pastorale di Vergari Mons. Piero

Indirizzo e-mail di Vergari Mons. Piero è questo: vergarimp@alice.it 

Questa icona portatile, rappresenta:
1. S. Rinaldo, vescovo di Nocera Umbra ( + 9. 2. 1217 )
2. Crocifisso ( sec. XIV ) in S. Francesco di Sassoferrato ( Ancona )
3. Regina Apostolorum in S. Apollinare - Roma

 

    Tra le più belle esperienze della mia vita sacerdotale in Roma, innanzi tutto l'impareggiabile servizio ecclesiale nella Curia Romana, poi la visita agli ammalati negli ospedali di S. Giovanni, S. Spirito, allo Spallanzani nel reparto "malattie infettive", il lavoro per le vocazioni sacerdotali, mi è stata carissima quella della visita alle carceri di Regina Coeli, per quasi venticinque anni, ogni sabato sera, dove potevo portare una parola di conforto e di speranza alle persone detenute e di conseguenza ai loro familiari. Quelle visite mi ricordavano continuamente le parole di commento al Vangelo di Matteo 25, alle Opere di Misericordia, del grande vescovo di Costantinopoli S. Giovanni Crisostomo, in cui dice che nella persona bisognosa o sofferente tu visiti o incontri il Cristo stesso, come vivo; (Ero carcerato e siete venuti a trovarmi).

      Nel carcere mai ho domandato a nessuno perchè era là o che cosa aveva fatto. Tra le centinaia di persone incontrate dei più diversi stati sociali, parlavamo di cose religiose o di attualità; Enrico De Pedis veniva come tutti gli altri, e fuori dal carcere, ci siamo visti più volte: normalmente nella chiesa di cui ero rettore, sapendo i miei orari e altre volte fuori, per caso. Mai ho veduto o saputo nulla dei suoi rapporti con gli altri, tranne la conoscenza dei suoi familiari. Aveva il passaporto per poter  andare liberamente all'estero. Mi ha aiutato molto per preparare le mense che organizzavo per i poveri. Quando seppi dalla televisione della sua morte in Via del Pellegrino, ne restai meravigliato e dispiacente.

       Qualche tempo dopo la sua morte i familiari mi chiesero, per ritrovare un po' di serenità, poiché la stampa aveva parlato del caso e da vivo aveva espresso loro il desiderio di essere un giorno sepolto in una delle antiche camere mortuarie, abbandonate da  oltre cento anni, nei sotterranei di S. Apollinare, di realizzare questo suo desiderio. Furono chiesti i dovuti permessi religiosi e civili, fu restaurata una delle camere e vi fu deposto.

       Anche in questa circostanza doveva essere valido come sempre, il solenne principio dei Romani " Parce sepulto ": perdona se c'è da perdonare a chi è morto e sepolto. Restammo d'accordo con i familiari che la visita alla cappella funeraria era riservata ai più stretti congiunti. Questo fu osservato scrupolosamente per tutto il tempo in cui sono rimasto rettore, fino al 1991.

 

                                                        Mons. Piero Vergari

 

Roma, 3 ottobre 2005                                                          

                Parce sepulto                                                                                   De mortuis nil, nisi bene
  ( Perdona a chi è morto e sepolto )                                                   ( dei morti non si deve dire altro che bene )
              [ VIRGILIO ]                                                                                          [ OMERO ]

 

NO COMMENT

 

 

 

Questa icona rappresenta Maria - Madre e Regina degli Apostoli - nella Basilica di S. Apollinare in Roma.

 

Gli Oblati della Regina Apostolorum

 

 

 

L'Associazione degli Oblati della Regina Apostolorum è stata iniziata nel 1989 per promuovere con la preghiera e il consiglio le vocazioni alla vita consacrata, femminile e maschile. L'Associazione è formata da laici, religiose e religiosi. Sta portando i suoi frutti ed è presente nei diversi continenti. E' stata posta sotto la protezione delle Beata Vergine Maria, Madre e Regina degli Apostoli.

 

 - Monsignore, noi ci conosciamo dal 1978 nel Collegio di Santa Maria dell'Anima.

- Sì Eminenza (ho risposto emozionato e mi sono corretto) Santo Padre, Le chiedo la Santa Benedizione per me, i miei conoscenti e i miei parenti.

- Certamente, benedico tutti !

Crocifisso (sec. XIII) in S. Francesco di Sassoferrato

Sassoferrato - S. Francesco

Sepolcro del beato Alessandro Vìncioli dell'ordine dei minori

Vescovo di Nocera (+ 1363)

 

 

 

Sua Eccellenza Mons. Giuseppe Pronti  Vescovo di Nocera e Gualdo 1951-1974

 

Mons. Roberto Masi

 

Testamento spirituale di Mons. Roberto Masi

Mons. Dino Tomassini

Il Cardinale Ugo Poletti,  Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma, molto sensibile e vicino a chi era nel sofferenza e  nella povertà

Card. Sergio Guerri

Pieve di Compresseto a Montecamera

I martiri Armeni venerati in s. Apollinare - Roma

    

 

       

                         

                      Madonna della Ghea - originale

Madonna della Ghea

 

 

 

 

La culla della mia vocazione al sacerdozio

 

 

Don Mario Nasoni

 

Antica Icona nella chiesa di Villa Scirca di Sigillo

S. Nonnosus

        Ma come Costantin chiese Silvestro

        Dentro Siratti a guerir della lebbre;

        Così mi chiese questi per maestro

        A guerir della sua superba febbre:

            Dante, Inf. XXVII, 94 - 97

________________________________________________________________________________________________________________________________________

                        Vides ut alta stet nive candidum              

 

Soracte nec iam sustineant onus           

 

                                                                                                                                                                                          silvae laborantes geluque

                                                                                                                                                                                                           flumina constiterint acuto?                 

                

                  

Orazio, Carm. I, 9, 1 - 5

                  

 

 

 

                                                   

 

Polittico di S. Facondino

 

Il sarcofago dei santi Felicita, Pellegrino, Facondino e Gioventino, ( V - VI secolo ), proveniente dall'antica cattedrale di Santa Colomba, Rimini, ora nella nuova cattedrale ( tempio Malatestiano).

Testo latino scolpito sul sarcofago: HEC SVNT NOMINA S[AN]C[T]ORV[M]: FELICITAS PEREGRINVS FACCONDINVS IVVENTINVS;

in una riga in basso lungo tutta la facciata anteriore, si legge: HEGO NATALIS PECCATOR EP[ISCOPV]S 

ANC[ONAE] CORPORA S[AN]C[T]ORUM

e di seguito, girando nel lato destro dell'arca: CONDIDIT (sic)

 

Dipinto del sec. XV nella chiesa di S. Pellegrino

Monte Camiliano inno di San Michele Archangelo

Biblioteca Apostolica Vaticana
Codice Vaticano Latino 
n° 3921 
del Vescovo di Nocera, Angelo Colocci

 

ACTA SANCTORVM

DIE VIGESIMA OCTAVA AUGUSTI

 

Pagina 2

Pagina 3

Pagina 4

Pagina 5

Pagina 6

Pagina 7

Pagina 8

Pagina 9

Pagina 10

Pagina 11

Pagina 12

Pagina 13

Pagina 14

Pagina 15

Pagina 16

Pagina 17

Pagina 18

Pagina 19

Pagina 20

 

 

                       

S.Facondino Vescovo e S.Gioventino (?) Arcidicono, particolare del polittico (sec.XV)

 

Gualdo Tadino - fronte di sarcofago romano del II sec., riutilizzato probabilmente per contenere il corpo di S. Facondino fino al sec. XVI

 

Lectionarium sancti Facundini

 

 

Pagina 2

Pagina 3

Pagina 4

Pagina 5

Pagina 6

Pagina 7

Pagina 8

Pagina 9

Pagina 10

Pagina 11

Pagina 12

Pagina 13

Pagina 14

Pagina 15

Pagina 16

Pagina 17

Pagina 18

Pagina 19

Pagina 20

Pagina 21

Pagina 22

Pagina 23

Pagina 24

Pagina 25

Pagina 26

Pagina 27

Pagina 28

Pagina 29

Pagina 30

Pagina 31

Pagina 32

Pagina 33

Pagina 34

Pagina 35

Pagina 36

Pagina 37

Pagina 38

Pagina 39

Pagina 40

Pagina 41

Pagina 42

Pagina 43

Pagina 44

Pagina 45

Pagina 46

Pagina 47

Pagina 48

Pagina 49

Pagina 50

Pagina 51

Pagina 52

Pagina 53

Pagina 54

Pagina 55

Pagina 56

Pagina 57

Pagina 58

 

Biblioteca Apostolica Vaticana
Codice Urbinate Latino 48

 

Pagina 2

Pagina 3

Pagina 4

Pagina 5

Pagina 6